EROSIONE DELLE SPIAGGE – Un convegno, sabato, a Capo d’Orlando promosso da Legambiente Nebrodi

convegno-spiagge

CONVEGNO DI STUDI SU EROSIONE DELLE SPIAGGE. SABATO 8 APRILE A CAPO D’ORLANO, NE DISCUTERANNO TECNICI ED AMMINISTRATORILegambiente_logo

Sabato 8 aprile con inizio alle ore 9,30, presso la Pinacoteca di Capo d’Orlando, si terrà in convegno di studi sull’erosione delle spiagge provinciali.

L’iniziativa è promossa ed organizzata dal Circolo Legambiente Nebrodi, Ordine Regionale dei Geologi e Collegio Provinciale dei Geometri con il patrocinio del Comune di Capo d’Orlando.

erosione-spiagge-convegno

La prima parte dei lavori sarà dedicata alle relazioni scientifiche tenute dai professori Enzo Pranzini, università di Firenze, Giuseppe Mallandrino, università di Palermo, Giovanni Randazzo, università di Messina, e Franco Andaloro, dirigente dell’ISPRA.

Seguirà una tavola rotonda alla quale interverranno l’assessore regionale al territorio e all’ambiente, on. Maurizio Croce, l’on. Gianfranco Cancelleri, capo gruppo Movimento 5 Stelle all’ARS, l’on. Bernardette Grasso, l’on. Giuseppe Laccoto ed i sindaci dei comuni costieri.

etrosione-spiagge-convegno-2

I lavori saranno aperti del presidente regionale di Legambiente, Gianfranco Zanna; dopo i saluti dei presidenti degli ordini professionali, dott. Giuseppe Collura (geologi), dott. Carmelo Ardito (geometri) e del Sindaco di Capo d’Orlando Franco Ingrillì, sarà presentato il sito internet www.erosionespiagge.eu, creato da Enzo Bontempo e Salvatore Granata, storici dirigenti ambientalisti che da oltre trent’anni seguono documentano l’evoluzione del fenomeno.

“Con questa iniziativa intendiamo fare il punto della situazione dopo decenni di studi ed interventi sulla costa che ne hanno alterato l’ originario equilibrio – spiega Enzo Bontempo.

Speriamo che la corretta conoscenza del fenomeno possa indurre gli amministratori del territorio a pianificare ed attuare interventi compatibili con l’esigenza prioritaria di tutelare la straordinaria risorsa naturalistica ed economica costituita dalle nostre spiagge”.

Lascia un commento