ANALISI VERSO LE AMMINISTRATIVE “FUTURE” – A Barcellona … Una politica al passo di granchio

Al di là dello spostamento della data dell’appuntamento elettorale  – 14 giugno – queste considerazioni possono restare punti di analisi per futuri dibattiti.

La politica in ogni tempo nel suo avvicendarsi con personalità come Santalco, Nania si era caratterizzata nell’essere sempre in grado di intercettare finanziamenti e realizzare opere con uno sguardo lungo orientato verso un orizzonte pieno di speranze.

La città di Barcellona e Pozzo di Gotto ha sempre guardato al proprio destino con orgoglio e molta concretezza e sin dai tempi di Carmelo Santalco ha guardato alla sua intrastrutturazione con particolare attenzione, con una spiccata voglia di fare, con imprenditori che riuscivano a coltivare successi, con un’implementazione dei loro bilanci e migliorando di molto l’occupazione lavorativa.

La politica in ogni tempo nel suo avvicendarsi con personalità come Santalco, Nania si era caratterizzata nell’essere sempre in grado di intercettare finanziamenti e realizzare opere con uno sguardo lungo orientato verso un orizzonte pieno di speranze.

Oggi invece vi è una politica dai molti annunci di finanziamento che rimangono lettera morta, che non serve a migliorare i servizi di Barcellona P.G., ma solo a ripristinare i danni ricevuti ad esempio dalle mareggiate, come il litorale oppure i due ponti da manutenere che insistono tra Milazzo, Barcellona P.G. e Terme Vigliatore.

O ancora si sono prodigati nell’annuncio di qualche altra manutenzione straordinaria nelle scuole, sempre bisognose di interventi, che certamente non cambiano il volto della città.

L’unico serio, grave e mancato intervento risolutore è stato posto in essere dal sottosegretario dei 5stelle On. Alessio Villarosa che, anziché difendere la città di Barcellona P.G., non è riuscito, con i propri uffici, a bloccare la revoca del finanziamento di 4,5 milioni di euro per la riqualificazione del centro città e precisamente della via Roma.

Infatti, nonostante abbia interloquito con l’Amministrazione attiva il locale rappresentante nel Governo Nazionale ha dato il definitivo colpo di maglio, sì da far perdere il finanziamento.

La politica farlocca, quella delle bugie grossolane, non sembra aiutare la città, non sembra orientata ad apportare migliorie fattive ed incisive sul territorio, limitandosi solo ad attestare il nulla di fatto o continuare a procedere al passo del granchio che di certo non percorre, con i suoi movimenti goffi, lunghi tragitti.

Anzi la caratteristica capacità del granchio di camminare all’indietro è metafora dell’incompiutezza, dei percorsi laterali, di un modo di procedere non lineare.

Ed è il riflesso di una politica che sa imbastire solo litigi quotidiani, senza essere utile se non per coltivare orticelli.

Così andando le cose la città ed i suoi cittadini stanno prendendo consapevolezza che l’attuale numerosa rappresentanza parlamentare non solo non dà risultati, se non per annunciare ipotesi astratte e non risolutive, ma si limita a disseminare sfiducia, ricreando un senso di vuoto e di abbandono per un territorio che meriterebbe più concretezza, più onestà intellettuale e meno bluff.

sempre disponibili a pubblicare puntualizzazioni, rettifiche, smentite, altri punti di vista, su quanto pubblicato, nell’ottica di offrire un ampio contraddittorio ed aggiungere “sale” alla critica politica dei fatti e delle questioni. Basta scrivere a redazione@scomunicando.it

 

Le elezioni amministrative.

Sono state posticipate al 14 giugno le elezioni amministrative in 61 Comuni siciliani che dovevano tenersi il 24 maggio.

 

Lo slittamento è dovuto allo stato di emergenze causato dal Coronavirus. A essere coinvolti dalla tornata elettorale saranno circa 750.000 siciliani. In provincia di Messina saranno 12 i comuni chiamati alle urne, tra i quali i due centri più grossi, dove eventualmente, si andrà al ballottaggio: Barcellona e Milazzo.

I paese, nel dettaglio dove si voterà e tra parentesi il numero dei consiglieri che dovranno essere eletti

Barcellona Pozzo di Gotto (proporzionale, 24);

Milazzo (proporzionale, 24);

 

Basicò (maggioritario, 10);

Giardini Naxos (maggioritario, 12);

Graniti (maggioritario, 10);

Limina (maggioritario, 10);

Malvagna (maggioritario, 10);

Mirto (maggioritario, 10);

Naso (maggioritario, 12);

Raccuja (maggioritario, 10);

San Salvatore di Fitalia (maggioritario, 10);

Savoca (maggioritario, 10).

Ti preghiamo di disattivare AdBlock o aggiungere il sito in whitelist