SCUOLE DI BROLO – Grande successo del progetto “Programma il futuro”

 maria_ricciardello_mod_def_thumb_medium226_150

La scuola secondaria di Brolo ha partecipato l’anno scorso alla prima edizione del progetto “Programma il futuro”, che ha visto gli alunni di tutte le classi impegnati in attività di apprendimento delle logiche e dei linguaggi elementari di programmazione al PC, tramite un metodo grafico-interattivo che utilizza blocchi logici. Le attività svolte hanno avuto un riscontro molto positivo da parte degli alunni e quest’anno si pensa di riproporre la stessa esperienza con la partecipazione alla seconda edizione.

 

brolo_scuola_media_0010

Il progetto ha fatto registrare un grande interesse negli alunni di tutte le scuole italiane, tanto che in termini di diffusione l’Italia è risultata al primo posto in Europa e al secondo nel mondo (dopo gli USA) per numero di eventi nell’Ora del Codice, come riportato nella email che abbiamo ricevuto e pubblichiamo di seguito, con alcuni link molto interessanti.

_______________

L’EMAIL RICEVUT DALL’ISTITUTO COMPRENSIVO BROLESE A CURA DELLO STAFF “Programma il Futuro”

Gentile docente,

grazie anche al tuo impegno il progetto “Programma il Futuro” ha ottenuto risultati estremamente interessanti in termini di diffusione, collocando l’Italia al primo posto in Europa ed al secondo nel mondo (dopo gli USA) per numero di eventi dell’Ora del Codice.

In conseguenza di ciò il progetto è ripartito con un evento eccezionale tenutosi presso la Camera dei Deputati: Hadi Partovi, il fondatore di Code.org, ha inaugurato il secondo anno di “Programma il Futuro” insieme alla  Presidente Boldrini e alla Ministra Giannini.

Per aver maggiori informazioni:
http://programmailfuturo.it/progetto/avvio-secondo-anno

I docenti – si legge sulle news del sito dell’istituto didattico brolese diretto dalla professoressa Maria Ricciardello  –  delle scuole primarie e secondarie che volessero partecipare al progetto con i propri alunni, possono contattare la funzione strumentale che si occupa delle TIC.

Lascia un commento