TEATRO – “la macchina dei sogni” fa 20anni
Cultura, Fotonotizie, In evidenza, Teatro

TEATRO – “la macchina dei sogni” fa 20anni

Era il 14 giugno 2004 quando La Macchina dei Sogni portava in scena il primo saggio finale: Sogno di una notte di mezza estate di W. Shakespeare, con gli allievi del corso di teatro alla sua prima edizione. Ed il “sogno” di Stefano Molica divenne anno dopo anno sempre più splendida realtà.

LA MACCHINA DEI SOGNI COMPIE 20 ANNI

Sono passati 20 anni da quell’apertura del sipario. 20 anni di emozioni, fatica, lavoro e sperimentazione teatrale. La squadra è cresciuta, gli allievi hanno avuto sempre nuove opportunità e l’occasione di imparare un modo diverso per entrare in contatto con gli altri e conoscere meglio sè stessi. Tutte le potenzialità nascoste, insomma, dentro la nostra macchina dei sogni: il corpo dell’attore.

Oggi il movimento teatrale è più vivo che mai e domenica 26 maggio dalle 17:00, presso l’auditorium del Seminario Vescovile, andranno in scena i Saggi Finali che inaugureranno questa ventesima edizione targata Nuovi Teatri che ormai coinvolge ragazzi e giovani di tutto il territorio.

Ad aprire la rassegna saranno i più piccoli del Corso Infanzia con Il gioco del Teatro, seguiti dal Corso Bambini con Fiab-App.

La Macchina dei Sogni si sposterà poi al Teatro Antico di Tindari dove le associazioni Nuovi Teatri e Potere la fantasia, con il patrocinio della Città di Patti, del Parco archeologico di Tindari e dell’Assessorato delle autonomie locali e della funzione pubblica della Regione Sicilia,  presenteranno la II° edizione di Tindari Switch Fest.

«Siamo emozionati: 20 anni sono tanti! – afferma Stefano Molica, regista e presidente di Nuovi Teatri – Ma sono stati anni intensi. Siamo cresciuti con i nostri ragazzi. Abbiamo visto molti di loro diventare grandi. Abbiamo pianto tutte le volte che si concludeva un ciclo e abbiamo gioito con tutti loro ogni volta che si chiudeva un sipario alla fine di uno spettacolo. Tutto questo è stato possibile anche grazie alle famiglie dei nostri allievi, al loro supporto, alla loro fiducia, al loro affetto.

La Macchina dei Sogni ha ancora tanta strada da fare. E noi siamo pronti».

25 Maggio 2024

Autore:

redazione


Ti preghiamo di disattivare AdBlock o aggiungere il sito in whitelist